Ultima modifica: 8 Maggio 2017

Valutazione Ambientale Strategica

La valutazione ambientale di piani e programmi, definita Valutazione Ambientale Strategica (VAS) è una procedura, ispirata al principio dello sviluppo sostenibile, concepita per verificare ed eventualmente migliorare in chiave ambientale le scelte di pianificazione in grado di avere “effetti significativi” sull’ambiente e sul patrimonio culturale.

La VAS riguarda i piani e i programmi relativi ad alcuni settori (agricolo, forestale, della pesca, energetico, industriale, dei trasporti, della gestione dei rifiuti e delle acque, turistico, della pianificazione territoriale o della destinazione dei suoli).

La procedura di VAS è articolata in diverse fasi, tra cui alcune in cui è prevista la partecipazione dei cittadini, singoli o in associazione.

La finalità della procedura di VAS è quella di garantire un elevato livello di protezione dell’ambiente e di contribuire all’integrazione delle considerazioni ambientali al momento dell’elaborazione, dell’adozione e dell’approvazione dei piani e programmi, assicurando che siano coerenti e contribuiscano alle condizioni per uno sviluppo sostenibile, nel rispetto della capacità rigenerativa degli ecosistemi e delle risorse, della salvaguardia della biodiversità e di un’equa distribuzione dei vantaggi connessi all’attività economica.

La valutazione non riguarda singoli progetti (per i quali è prevista la procedura di VIA), ma gli atti di pianificazione e programmazione territoriale che costituiscono quadro di riferimento dei progetti stessi, al fine di prevedere una valutazione globale ed anticipata, che assicuri la piena considerazione degli interessi ambientali sin dalle fasi in cui si discute se, dove e come realizzare un progetto.

FASI

Screening o verifica di assoggettabilità (fase eventuale): nella quale, sulla base di un rapporto preliminare (comprendente una descrizione del piano o programma e le informazioni e i dati necessari alla verifica degli impatti significativi sull’ambiente dell’attuazione del piano o programma), viene verificato se il piano o il programma può avere “impatti significativi sull’ambiente” e, di conseguenza, deciso se assoggettare o non assoggettare a VAS tale del piano o programma; gli esiti di tale fase eventuale ed i relativi elaborati, sono resi pubblici mediante la pubblicazione sul sito web del comune.

Scoping o specificazione dei contenuti del Rapporto Ambientale: preliminare all’elaborazione del Rapporto Ambientale (RA), è una fase di consultazione tra Autorità Procedente (AP) e/o proponente (soggetto pubblico o privato che elabora il piano) e l’Autorità Competente (AC) (soggetto pubblico che svolge la valutazione) per definire portata e livello di dettaglio delle informazioni da includere nel rapporto ambientale;

Elaborazione del Rapporto Ambientale: è elaborato dall’Autorità Procedente; in esso sono individuati, descritti e valutati gli impatti significativi che l’attuazione del piano o del programma proposto potrebbe avere sull’ambiente e sul patrimonio culturale, nonché le ragionevoli alternative che possono adottarsi in considerazione degli obiettivi e dell’ambito territoriale del piano o del programma stesso; costituisce un elaborato del piano o del programma ed è parte integrante e sostanziale del piano o del programma; è comunicato all’Autorità Competente unitamente alla proposta di piano o programma e a una sintesi non tecnica del RA stesso;

Consultazioni: per le procedure di competenza comunale, dell’avvenuta comunicazione del RA viene data notizia tramite avviso nel Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte (B.U.R.P.), al fine di sollecitare eventuali osservazioni da parte di chi abbia interesse; l’avviso, il piano o programma, il Rapporto Ambientale e la sintesi non tecnica, sono contestualmente pubblicate sul sito web del comune;

Valutazione del Rapporto Ambientale e esiti della consultazioni e Decisione: l’Autorità Competente svolge le attività tecnico-istruttorie (acquisizione e valutazione di tutta la documentazione presentata, nonchè le osservazioni, obiezioni e suggerimenti inoltrati) e formula il parere  motivato sulla compatibilità ambientale del piano o programma; tenendo conto delle risultanze del parere motivato si provvede alle opportune revisioni del piano o programma che, così modificato, è presentato per l’approvazione;

Informazione sulla decisione: per le procedure di competenza comunale, la decisione finale è pubblicata sul B.U.R.P., con l’indicazione della sede ove si possa prendere visione del piano o programma adottato e di tutta la documentazione oggetto dell’istruttoria.

Sono inoltre rese pubbliche attraverso la pubblicazione sul sito web del comune:

  1.  il parere motivato espresso dall’autorità competente;
  2.  una dichiarazione di sintesi in cui si illustra in che modo le considerazioni ambientali sono state integrate nel piano o programma e come si è tenuto conto del rapporto ambientale e degli esiti delle consultazioni, nonché le ragioni per le quali è stato scelto il piano o il programma adottato, alla luce delle alternative possibili che erano state individuate;
  3.  le misure adottate in merito al monitoraggio;

Monitoraggio: assicura il controllo sugli impatti significativi sull’ambiente derivanti dall’attuazione dei piani e dei programmi approvati e la verifica del raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità prefissati, così da individuare tempestivamente gli impatti negativi imprevisti e da adottare le opportune misure correttive

Print Friendly, PDF & Email
Please wait...