Ultima modifica: 17 Aprile 2020

Regolamento commissione mensa scolastica

Please wait...

Approvato con la deliberazione del Consiglio Comunale n° 60 del 23 dicembre 2019

Articolo 1 – Costituzione

La Commissione Mensa scolastica è costituita a livello Comunale ed è l’organismo deputato alla verifica della qualità del servizio inerente la ristorazione scolastica che il Comune eroga agli utenti delle Scuole dell’Infanzia e Primaria.
Essa costituisce elemento fondamentale nel perseguimento dell’obiettivo della massima trasparenza nella gestione e di un continuo miglioramento del servizio reso all’utenza.
Attraverso essa si intende svolgere un’attività di proposizione, collaborazione ed educazione alimentare.

Articolo 2 – Oggetto del regolamento

La Commissione Mensa svolge, nell’interesse dell’utenza e di concerto con l’Amministrazione Comunale, un ruolo di:
• collegamento esclusivo tra l’utenza e l’Amministrazione, soggetto titolare del servizio, facendosi carico di riportare le diverse istanze che pervengono dall’utenza;
• sviluppare nella comunità educante il senso di una corretta ed equilibrata alimentazione, attraverso l’educazione alimentare, al fine di indirizzare le giovani generazioni ad un sano rapporto con il cibo, ad una scelta sempre più consapevole degli alimenti ed alla promozione del benessere e della salute del proprio corpo;
• monitoraggio in merito al buon andamento ed alla qualità del servizio, ruolo consultivo e propositivo in merito alla stesura del programma alimentare, all’andamento ed alla qualità del servizio.
Il presente regolamento disciplina, altresì, le modalità di funzionamento della Commissione Mensa ed i rapporti della stessa con l’Amministrazione Comunale e/o altri organismi istituzionali.
I pareri della Commissione Mensa, unico organo che si rapporta con l’Amministrazione Comunale, sono consultivi e non vincolanti per l’Amministrazione Comunale.
Restano in ogni caso fermi i poteri ed i compiti propri degli uffici comunali.

Articolo 3 – Componenti

La Commissione Mensa operante sul territorio di Sala Consilina è unica e comprende i riferimenti dei componenti docenti e genitori delle istituzioni scolastiche cittadine e gli interlocutori competenti dell’Amministrazione comunale.
Nello specifico la Commissione Mensa, nominata dalla Giunta Comunale , è costituita:
Membri di diritto:
• Sindaco (con funzioni di Presidente)
• Assessore e/o Consigliere al ramo
• Consigliere di minoranza segnalato d’intesa dai capigruppo di minoranza.
Menbri nominati:
• n. 4 Genitori (2 dell’Istituto Comprensivo “Sala Consilina” e 2 dell’Istituto Comprensivo “Camera”)
• n. 4 docenti (2 dell’Istituto Comprensivo “Sala Consilina” e 2 dell’Istituto Comprensivo “Camera”) su indicazione dei rispettivi Dirigenti scolastici.
Requisiti indispensabili per essere nominati membri della Commissione Mensa sono:
• l’avere figli utenti del servizio di refezione scolastica;
• l’operare in qualità di docente presso una delle strutture scolastiche presenti nel territorio comunale che usufruiscono del servizio di refezione scolastica.
Partecipano, inoltre, soltanto con funzioni consultive e referenti, ai lavori della Commissione Mensa:
• n. 1 rappresentante della Società appaltatrice del servizio;
• il Medico esperto dell’ASL/SA;
• il Tecnologo Alimentare incaricato dall’Amministrazione Comunale (se nominato);
• il Responsabile/Funzionario del Servizio refezione scolastica comunale.
Il Presidente tra i membri nominati designa il segretario verbalizzante.
Il Presidente può delegare l’Assessore e/o al Consigliere a svolgere in sua assenza le proprie funzioni.
Le funzioni dei componenti sono gratuite.
La Commissione mensa di norma è convocata dal Presidente ogni due mesi. Su richiesta di almeno un terzo dei componenti la Commissione mensa deve essere convocata ad horas entro 48 ore.

Articolo 4 – Durata

La Commissione Mensa come sopra costituita rimane in carica per la durata dell’affidamento del servizio, di norma 3 anni scolastici e comunque fino all’insediamento della nuova ditta appaltatrice.

Articolo 5 – Compiti e modalità di effettuazione dei controlli

I rappresentanti della Commissione Mensa svolgono le seguenti funzioni:
• partecipano alle riunioni della Commissione con diritto di proposta e di voto, nell’ambito delle competenze consultive sul menu tipiche della commissione mensa;
• svolgono funzioni di portavoce e di referente presso il proprio plesso scolastico; ciascun commissario può effettuare sopralluoghi in qualsiasi plesso con refettorio;
• osservano e verificano le modalità di preparazione dei pasti nel rispetto delle tabelle dietetiche;
• osservano e verificano la conformità del menù, il rispetto delle grammature, dei tempi di consegna e somministrazione del cibo, corrispondenza tra numero dei pasti e presenza degli utenti, temperatura al momento di distribuzione e consumo;
• controllano la pulizia dell’ambiente, dei tavoli e delle stoviglie;
• possono chiedere chiarimenti in relazione alla preparazione degli alimenti e consultare i documenti relativi alle forniture e derrate alimentari sottoponendo la relativa richiesta scritta all’Ufficio comunale competente;
• monitorano l’appetibilità e gradibilità del pasto da parte degli alunni attraverso l’osservazione diretta, la verifica della quantità di scarti prodotti, l’assaggio di ogni pietanza presente nel menù.
I componenti della Commissione Mensa dovranno attenersi alle seguenti disposizioni durante i sopralluoghi:
• possono accedere ai locali di preparazione dei pasti (Centro Cottura) ed ai refettori scolastici autonomamente e senza nessun preavviso;
• durante i sopralluoghi dovranno indossare il previsto abbigliamento monouso (camice, copricapo, eventualmente soprascarpe e mascherina) il cui uso è facoltativo solo nei refettori;
• le visite al centro cottura e ai refettori sono consentite contemporaneamente ad un numero di rappresentanti non superiore a due, nel rispetto delle condizioni di cui sopra;
• le visite sono finalizzate unicamente alla conoscenza dell’organizzazione del servizio e quindi non dovranno essere rivolte critiche o reclami al personale addetto al servizio. Si precisa, inoltre, che la Commissione Mensa, essendo un organo propositivo e non esecutivo, non può, in alcun modo, modificare il menù scolastico in vigore.
• gli assaggi potranno essere effettuati a distribuzione ultimata e richiesti al personale di distribuzione presente o al Responsabile del centro cottura;
• non è possibile prelevare sostanze alimentari (materie prime o prodotti finiti) né assaggiare cibi nel Centro Cottura;
• deve essere evitato qualsiasi contatto diretto o indiretto con sostanze alimentari e con le attrezzature nel locale di servizio o presso il centro cottura; non devono quindi essere toccati alimenti cotti pronti per il consumo o crudi, utensili, attrezzature, stoviglie se non quelli messi appositamente a disposizione per la commissione mensa;
• non potranno essere utilizzati i servizi igienici riservati al personale e non si potrà accedere ai locali mensa in caso di tosse, raffreddore e malattie dell’apparato gastrointestinale;
• l’assaggio dei cibi dovrà esser appositamente predisposto dal personale addetto e sarà effettuato con stoviglie messe a disposizione dei componenti della Commissione mensa;
• per ciascun sopralluogo effettuato i componenti della Commissione mensa devono redigere e sottoscrivere una “scheda di valutazione”, utilizzando il modello allegato al presente regolamento, che dovrà essere trasmessa unicamente all’Ufficio comunale preposto entro massimo tre giorni dall’avvenuta visita o il prima possibile in caso di gravi criticità spedito anche a mezzo email all’indirizzo di posta elettronica indicato dall’Ente.
I componenti della Commissione Mensa che non si attengano a quanto previsto nel presente regolamento saranno richiamati ai loro doveri in forma scritta. Qualora l’infrazione si dovesse ripetere il rappresentante può essere revocato su richiesta del Presidente e/o su richiesta dell’Amministrazione Comunale.

Art. 6 – Rapporti con l’amministrazione comunale

L’Amministrazione Comunale assicura il supporto organizzativo necessario per il funzionamento della Commissione Mensa ed in particolare:
• individua nella persona del Funzionario/Responsabile del Servizio refezione scolastica il referente per la raccolta delle istanze della Commissione o dei singoli componenti il quale ha l’obbligo di informare prontamente il Presidente della Commissione;
• provvede a predisporre le convocazioni;
• mette a disposizione i locali per le riunioni;
• assicura la disponibilità dei documenti amministrativi relativi al servizio mensa;
• invia copia dei verbali della Commissione, redatti e sottoscritti, a tutti i componenti della Commissione stessa e agli istituti scolastici interessati per i Dirigenti e per l’affissione in visione dei genitori.
L’ufficio può essere contattato tramite PEC, e-mail o telefonicamente ai numeri diretti indicati dall’Ente o tramite centralino.

Art. 7 – Segnalazioni da parte dei genitori

Qualsiasi contestazione inerente il servizio di ristorazione scolastica, da parte dei genitori non facenti parte della Commissione Mensa dovrà pervenire in forma scritta alla Presidenza della Commissione stessa esclusivamente tramite i commissari mensa della propria scuola.

Art. 8 – Norma finale

A norma dell’art. 10, comma 4, dello Statuto Comunale il presente Regolamento, entra in vigore il quindicesimo giorno successivo alla sua pubblicazione all’Albo Pretorio on-line del Comune.

Print Friendly, PDF & Email